Zona di protezione speciale




Le zone di protezione speciale o ZPS, sono zone di protezione poste lungo le rotte di migrazione dell’avifauna, finalizzate al mantenimento ed alla sistemazione di idonei habitat per la conservazione e gestione delle popolazioni di uccelli selvatici migratori. Tali aree sono state individuate dagli stati membri dell’Unione Europea (Direttiva 79/409/CEE nota come Direttiva Uccelli[1]) e assieme alle Zone Speciali di Conservazione costituiscono la Rete Natura 2000. Tutti i piani o progetti che possano avere incidenze significative sui siti e che non siano non direttamente connessi e necessari alla loro gestione devono essere assoggettati alla procedura di Valutazione di incidenza ambientale.

SIC IT3210039 – MONTE BALDO OVEST

Il SIC Monte Baldo Ovest si sviluppa per 6509 ettari prevalentemente lungo il versante occidentale del Monte Baldo con una direttrice nord-sud, da una quota di circa 70 mslm sino a circa 2214 mslm.
Data l’importante variabilità altitudinale, le particolarità orografiche e la vicinanza del bacino lacustre il SIC ospita una notevole varietà vegetazionale, floristica e faunistica.
Si passa da formazioni erbacee xeriche riconducibili ai brometi sino alle praterie d’alta quota, le mughete microterme e le faggente altimontane.
.Dal punto di vista faunistico è significativa, tra gli ungulati, la presenza di camosci, discreta quella di caprioli, minore quella di cinghiali e cervi.
Importante è la componente di galliformi tra cui gallo cedrone, gallo forcello, fancolino di monte e coturnice.
L’avifauna è arricchita dai rapaci quali l’aquila reale, il falco cuculo e il nibbio bruno. Vi sono anche osservazioni di gipeto, specie ad altissimo valore naturalistico.
Tra i carnivori si annovera la volpe, il tasso, la martora, la faina e la donnola. Vi sono state eccezionali segnalazioni di lince e saltuarie di orso.

PER SAPERNE DI PIU'

I pascoli Altimontani